• en
  • de
  • it

Le Rovine di Nora

Le Rovine di Nora, l’antica metropoli romana

Durata

4 ore

Difficoltà

Bassa (qualche difficoltà in alcuni punti del sito per le persone con disabilità motorie)

Caratteristiche

Per chi ama l’archeologia ma si vuole anche godere il mare della Sardegna

Richiedi informazioni

Le rovine di Nora sono l’emblema della grandezza della Sardegna ai tempi dell’epoca romana. E’ per questo che non puoi perdere l’escursione in questo angolo di Sardegna se ami la storia e vuoi conoscere le origini di un’isola misteriosa.

Il Capo di Pula fu individuato dai Fenici prima e dai Punici in seguito per la sua posizione privilegiata. E proprio in questo punto venne fondata Nora, destinata a diventare una delle più grandi metropoli dell’Isola. Durante l’epoca romana, età d’oro della Sardegna, la città si sviluppò e nacquero, a qualche metro di distanza dal mare, quartieri e strade lastricate che ancora oggi non finiscono di stupirci.

Le Rovine di Nora oggi svelano scorci della grandezza della città antica: gli antichi quartieri popolari, le lussuose ville impreziosite da mosaici policromi, le terme, i templi, le antiche strade lastricate e soprattutto lo splendido teatro che ogni estate ospita un festival teatrale internazionale. L’area è immersa in un panorama mozzafiato, sul cui sfondo svetta la Torre del Coltellazzo. Alle spalle del promontorio si trova la Laguna di Nora, dove trovano riparo le tartarughe marine e, a pochi chilometri di distanza, lo stagno di Chia, l’oasi prediletta dai fenicotteri rosa. Se sarai fortunato, potrai assistere al volo del tramonto e tornare a casa con uno dei ricordi più struggenti che la Sardegna sa regalare.

Nora è anche cara al cuore dei Sardi per il suo legame con la storia di Sant’Efisio (link al blog post da scrivere), il santo più amato dell’Isola. Si racconta che intorno alla fine del III secolo d.C., il santo venne decapitato dai soldati romani sulla spiaggia antistante la città. Ogni 1° maggio parte da Cagliari la processione dedicata al Santo, durante la quale la popolazione percorre in pellegrinaggio i 33 km che separano il capoluogo sardo da Nora; caratteristica che la inserisce tra le processioni più lunghe d’Europa.

Richiedi informazioni!