• en
  • de
  • it

Cagliari, la città vecchia e il quartiere di Castello

Castello, il quartiere storico simbolo di Cagliari

Durata

90 – 120 minuti

Difficoltà

Bassa

Caratteristiche

Un percorso unico e piacevole per scoprire le origini della città

Richiedi informazioni

Dove i vicoli sono stretti e si alternano a piazzette soleggiate, gli angoli bui a scorci mozzafiato e i palazzi antichi spalancano i loro ingressi, rivelando tracce dei secoli andati, sei arrivato nel Quartiere Castello di Cagliari.

Una vera fortezza a protezione della città, Il quartiere di Castello – per tutti semplicemente “Castello” – risale all’epoca Pisana e sopravvive, di nuovo vivace ed elegante dopo un periodo di decadenza, fino a oggi attraversando le epoche Aragonese-Spagnola e Piemontese. Per secoli è stato il cuore della città e ancora oggi custodisce tesori dal grande valore storico e artistico.

Vedrai il Palazzo Regio, che per qualche anno ospitò la famiglia reale dei Savoia, Il Palazzo di Città, la Cattedrale di Santa Maria, sede del potere religioso fin dal XVII secolo, le cui ricchezze sono custodite nella cripta barocca, guardata a vista da possenti leoni di marmo. Passerai lungo i bastioni e attraverserai le porte medievali, antiche vie d’accesso alla città, sosterai sotto la Torre di San Pancrazio e la Torre dell’Elefante, da dove ammirerai il panorama di Cagliari che, talvolta, toglie il fiato anche ai viaggiatori più navigati. Castello è anche il quartiere delle botteghe di artigiani, antiquari, restauratori, dove entrare anche solo per fare due chiacchiere o rovistare alla ricerca di pezzi d’antan da portare a casa.

E se vuoi vedere Cagliari dall’alto, basta uscire dal dedalo dei vicoli e affacciarsi sul terrapieno. Castello offre scorci impagabili: il panorama spazia dalla Sella del Diavolo alla spiaggia del Poetto, fino al Parco di Molentargius e alle Saline.

Museo Archeologico

Se ami l’archeologia non puoi poi perderti una visita al Museo Archeologico dove, tra i tesori dell’epoca nuragica, trionfano i Giganti di Monte Prama, gli unici esempi di statue del periodo nuragico (700-900 a.C). Ritrovati durante gli scavi condotti negli anni ’70 nella località di Monte Prama, furono riassemblati pezzo per pezzo fino alla completa ricostruzione, avvenuta nel 2014. Le statue, alte fino a due metri, raffigurano pugilatori e arcieri dallo sguardo enigmatico.

La visita al museo è facoltativa e prevede un costo a parte rispetto al tour.

Richiedi informazioni!